EcoFuturo

Negozi di stampa 3D: l’hub di Milano batte anche New York

Categoria: Stampanti 3D

Stanno spuntando qua e là in tutte le capitali mondiali. I negozi di stampa 3D, da curiosità, si stanno trasformando in qualcosa di molto più serio. In futuro ogni quartiere di ogni città potrebbe avere una sua «fabbrica locale» per soddisfare le esigenze specifiche degli abitanti, che, a quanto pare, sono molto più variegate di quanto si possa immaginare. Un giorno queste mini-fabbriche potrebbero mettere in dubbio il paradigma della manifattura globale, spostandolo dalla produzione di tanti oggetti tutti uguali (in Cina) a pochi oggetti, fatti su misura, nella fabbrica dietro l’angolo.

CONTINUA A LEGGERE SU CORRIERE.IT

DaVinci 1.0, la stampante 3D alla portata di tutti

Categoria: Stampanti 3D
DaVinci 1.0, la stampante 3D alla portata di tutti

Tra le stampanti 3D in commercio in rete vi segnaliamo DaVinci 1.0, un apparecchio prodotto dall'azienda XYZprinting. Le sue caratteristiche principali sono due: facilità d'uso e prezzo concorrenziale. La DaVinci 1.0 costa infatti 499 dollari, meno di uno smartphone, niente schermi LCD e una qualità di stampa non molto elevata.
Crea oggetti di 20x20x20 cm con una velocità di 150 millimetri al secondo.
Sul sito http://us.gallery.xyzprinting.com/category/0/1/2/ l'azienda mette a disposizione degli utenti una serie di modelli e oggetti già pronti per la stampa. E' in vendita su Amazon.

La stampa 3D in ambito medico-chirurgico

Categoria: Stampanti 3D
La stampa 3d in ambito medico-chirurgico

Un altro filone di questa tecnologia è sicuramente quello medico, dalle protesi low cost al viso ricostruito grazie a parti stampate in 3D. E' recente il caso di due bambini americani a cui sono stati impiantati bronchi artificiali per curare una malattia nota come Tracheobroncomalacia. L'intervento è avvenuto nell'ospedale dell'Università del Michigan e ora i due bambini possono respirare senza l'ausilio di macchine.
I medici, che hanno descritto il caso sul New England Journal of Medicine, hanno prima creato al computer il modello tridimensionale della trachea e dei bronchi dei pazienti, poi hanno realizzato con la stampante delle strutture sintetiche che sono state impiantate direttamente nei bronchi.
Altri casi: in Galles i medici del Morriston Hospital di Swansea hanno stampato in 3D le protesi per ricostruire il volto parzialmente sfigurato di un uomo mentre nel Kentucky i medici hanno riprodotto in 3D un cuore, grande il doppio del normale. E' servito come base di studio per intervenire su un paziente.
(Fonte: Repubblica.it)